bibliografia

 

 

Un greco in via Po

Passeggiate silenziose con Nicola Abbagnano

EDB - 2017

Nicola Abbagnano aveva imparato per tempo a rinunciare, in parte almeno, alla vitalità in favore della serenità...

                                                                                                                    

 


 

Dialogare o perire

Che cosa è davvero una comunità?

Edizioni di Comunità - 2017

In una società che si professa multiculturale e in un mondo socialmente in ebollizione, c'è ancora posto per un ideale di comunità fondato sul principio del rispetto e dell'integrazione?

                                                                                                                 


 

I  doni dell'Amazzonia

Gangemi Editore - 2017

Reduce da una ricerca in Amazzonia, al largo di Manaus, che per poco non gli è costata la vita, l'Autore ne ricava, con una riconoscenza mista a nostalgia, tre doni: la tenerezza, la natura come madre-Terra da rispettare, il senso del limite.

 

                                                                                                            


 

La religione dissacrante

Coscienza e utopia nell'epoca della crisi

EDB - 2017

Si è a lungo parlato del nuovo millennio come di un tempo contrassegnato dall'esperienza religiosa, dal trionfo dell'irrazionale...

                                                                                                                    


 

Gli spaghettanti dello spirito

Solfanelli - 2017

In una società fondata sulla divisione del lavoro e sulla conseguante specializzazione delle mansioni, l'intellettuale, in quanto specialista delle idee generali, è scandalo e sfida.

                             

                                                                                                                   


 

Lo sviluppo

Promessa - Problema - Progetto

Solfanelli - 2017

Per le società odierne, tecnicamente progredite, lo sviluppo economico è un mito, una sfida e nello stesso tempo il marchio distintivo che ad esse assegna il posto nella graduatoria delle nazioni civili. Ma è una distinzione illusoria

                                                                                                                    


 

Attualità di Lutero

EDB - 2017

Lutero anticipa Marx e lo rovescia. Non è necessario cambiare il mondo. Per cambiare veramente in profondità il mondo basta interpretarlo: comprendere la parola e saperla ascoltare

                                                                                                                     

 


 

L'anno della svolta

Guida Editori - 2016

L'anno della svolta è il 1999. L'autore ha toccato i settantatre anni. Non è in verità una svolta drammatica. E' semplicemente una scadenza burocratica. l'andata fuori ruolo di un professore ordinario, la pensione per limiti di età.

                                                                                                               


 

Una sociologia alternativa

Dalla sociologia come tecnica del conformismo alla sociologia critica

Alpes - 2016

ristampa - 1a ed. 1972

 

                                                                                                              


 

Il conte di Vinadio - Felice Balbo e il marxismo come eresia cristiana

EDB - 2016

"Nel 1945 a Torino leggo un annuncio sul giornale. Una famiglia facoltosa sta cercando un precettore di lingua inglese a domicilio. Mi precipito ma nella fretta sbaglio piano. Mi apre un signore distinto, magro, con gli occhi chiari, in vestaglia di seta. Non vuole saperne di lezioni di inglese ma sono senza un soldo, ho bisogno di lavorare e digiuno da almeno dieci ore. Lo convinco che l'inglese è la lingua del futuro"

                                                                                                                  


 

Osservazioni sul lavoro intellettuale

Solfanelli - 2016

Con la parola "intellettuale" si indicano un sostantivo e un aggettivo. il problema degli intellettuali, ossia di coloro che usano professionalmente il loro intelletto, è ambiguo e inesauribile.

                                                                                                                   


 

Per l'autonomia operaia

Solfanelli - 2016

Contrariamente a quanto immaginato da letterati della politica e da cineasti portati a risolvere i loro sensi di colpa con una supposta vocazione sociale, le classe operaia non va né in paradiso né all'inferno

                                                                                                               


 

Thorstein Bunde Veblen

Solfanelli - 2016

"C'è un stagione nella vita di ognuno, suppongo,in cui viene naturale riaprire vecchi cassetti in cui,debitamente  coperti da anni di polvere, giacciono alla rinfusa carte e scartafacci che si è incerti se lasciarli alla pace dell'oblio e alla critica " - dalla prefazione dell'Autore

 

                                                                                                                    


 

I miei anni con Adriano Olivetti

Solfanelli - 2016

Un promemoria per le esperienze vissute da Franco Ferrarotti a stretto contatto con uno dei più lungimiranti e meno compresi imprenditori italiani della prima metà del Novecento

 

                                                                                                                                          

 


 

Al santuario con Pavese

Edizioni Dehoniane Bologna - 2016

"Ho sempre considerato Cesare Pavese un mio fratello maggiore. fin dal primo momento, quando un nasuto spilungone magro magro, la faccia ossuta, quasi equina..." 

                                                                                                                                     

 

                                                                                                                                           


   
Futurismo come prefascismo

Solfanelli - 2016

L'intento di questo libro consiste di sottolineare una caratteristica fondamentale della storia italiana, un filo rosso che vede l'emozione contro la ragione...

 

                                                                                                                    


 

A colloquio con Franco Ferrarotti

Gangemi Editore - 2015

"Una volta, circa settanta anni fa, al termine di un mio comizio in Piazza Cavour a Casale Monferrato contro la Democrazia Cristiana, il primo ministro di allora, on. Alcide De Gasperi, volle conoscermi, mi strinse la mano e disse: "Giovanotto, lei andrà lontano..."

                                                                                                             


 

La bipolarità tendenziale

Solfanelli - 2015

Attualità di scritti usciti tra il 1970 e il 1980: lotta di classe, morti bianche, emarginazione sociale in aree urbane...

                                                                                                                                         

 


 

Un anno qualunque

Guida Editore - 2015

E' il 1965, anno, scrive F., scelto a caso tra i tanti di cui esistono agende annotate. In realtà, un anno ricco di avvenimenti, viaggi, studi, scoperte, ruoli..

                                                                                                                                         


 

Elogio del piromane appassionato

EDB Lampi - 2015

                                                                          

                                                                                     

                                                              


 

Il primo centro-sinistra - Le ragioni di una sconfitta

Solfanelli - 2015

                                                                                                       

 

 

                                                                                                                


 

Un imprenditore di idee

Edizioni Comunità - 2015

Il libro è frutto di un dialogo con Giuliana Gemelli. Si tratta di una seconda edizione, la prima era uscita nel 2001. Le Edizioni di Comunità sono un'iniziativa presa in collaborazione con la Fondazione Olivetti. A suo tempo la casa editrice era stata fondata appunto da Adriano Olivetti

 

                                                                                                                                         


 

Idee e Società

Solfanelli - 2015

I contributi di Franco Ferrarotti al settimanale del quotidiano Paese-Sera libri, primo supplemento culturale in  Italia ideato  da Gianfranco Corsini

                                                                                     


 

Scienza e coscienza

EDB - 2014

La società industrializzata del terzo millennio si trovano affidate alle cure della scienza e fondano le loro decisioni su tecniche di previsione sociale ed economica basate sulla razionalità.

                                                                                                                   


 

Roma caput mundi  

Gangemi Editore - 2014  

                                            

Nella riproposizione di saggi di sapore storico, questo libro, in apparenza disomogeneo, è in realtà cresciuto e guidato da un'idea centrale. A Roma, e solo a Roma, si ha un fenomeno straordinario: la convivenza fra storia e quotidiano, fra le rovine gloriose dell'antichità classica e la miseria sontuosa e a suo modo felice, della periferia odierna. I borgatari vivono, distratti e consapevoli, sotto gli archi dell'acquedotto Felice. Per questo Roma è la sola città in cui ci si può muovere stando fermi. Somiglia a un disordinato, rumoroso garage mentre è in realtà la capitale dell'effimero, l'urbe per eccellenza, da cui trenta secoli di storia guardano noi, indaffarati contemporanei, con sovrana, paziente, talvolta amorevole indifferenza

                                                                                                                                                           


 

La parola e l'immagine. Note sulla neo-idolatria del secolo XXI

Editore Solfanelli, Chieti - 2014

Un libro che si occupa della crisi della parola e del trionfo dell'immagine. La parola è essenziale per il discorso razionale, intersoggettivo, analitico. L'immagine è seducente, sintetica, a volte ipnotica. Esalta l'emotività. I mezzi di comunicazione elettronica odierni vivono di immagini, sono fondamentali per il predominio dell'audiovisivo e per l'obsolescenza della lettura. I media non mediano. Adolescenti, giovani e adulti spesso non sono in grado di padroneggiare razionalmente il flusso torrentizio delle informazioni indiscriminate e di costruirsi una loro tavola delle priorità. Si tende ad affidare ai media, eticamente irresponsabili, il difficile compito della socializzazione primaria. Nessuna meraviglia che le conseguenze siano una gioventù disorientata e una società tanto tecnicamente raffinata quanto umanamente imbarbarita, litigiosa, egocentrica, in cui appaiono liquefattti anche gli ideali.
 


 

Giordano Bruno
Editore Empirìa, Roma - 2014
                                                        
Il rogo di Giordano Bruno fuma ancora. Il pensiero unico e il conformismo di massa sono minacce più che mai incombenti. C'è nell'eresia una verità profonda che attende di essere scoperta e rivissuta come regola etica universale: tutti gli esseri umani vanno riconosciuti, accettati, rispettati.

 

        

                                                                                                                                                        

                                                                                                                                                           


 

Rivoluzione e trascendenza
Editore Centro Editoriale Dehoniano, Bologna - 2014

L'obiezione di Max Stirner sul carattere trascendente di ogni costruzione utopica, anche quando si presenta come «scientifica» e del tutto immanente come il marxismo o lo storicismo crociano o l'attualismo gentiliano, è ancora oggi di grande attualità. In ogni atto o progetto rivoluzionario, per quanto determinato da contraddizioni interne dell'esistente, c'è una trascendenza implica. Per Sartre, come per Nietzsche, Weber e Popper, senza passione non si fa nulla e la negazione di ogni trascendenza rischia di produrre solo solitudine del solipsismo. Non si tratta di scomodare la prova ontologica di Sant'Anselmo o il ragionare neo-aristotelico di San Tommaso d'Acquino perché la questione, tuttora aperta, non riguarda l'esistenza o l'inesistenza di Dio, bensì il suo mistero.

 

 


 

Il mito della sociologia. Intervista a Franco Ferrarotti

Editore Solfanelli - 2014

 

Le vite di alcuni uomini meritano di essere raccontate e per la loro valenza archetipica meritano l'appellativo di mitiche, mito, dal greco mythos, vuol dire storia, la storia della vita di un uomo raccontata, rivissuta, tramandata ma che a differenza delle altre vite diventa un vero modello, quasi un archetipo, per tutte le altre. Sicuramente l'esistenza di Franco Ferrarotti è stata a suo modo mitica, per quello che il professore emerito di sociologia, vero fondatore delle scienze sociali in Italia, ha saputo creare. Pertanto "Il mito della sociologia" vuole essere il racconto dell'antefatto, ovvero di come le scienze sociali siano entrate nella vita comune di questo paese, ma anche un'attenta analisi riguardo la condizione umana nella società attuale, della tecnica e dei social network radicalmente diffusi, a partire dal pensiero stesso di Ferrarotti ma anche da una rilettura di alcuni modelli di sviluppo che hanno saputo mostrare una via di armonia politico-sociale come quella di Adriano Olivetti.


 

1951. Oltre l'oceano

Editore Gattomerlino, Roma - 2013
                                                                 
Un breve scritto in cui sono raccolte le impressioni del viaggio via mare che nel 1951 portò Franco Ferrarotti per la prima volta negli Stati Uniti. A queste impressioni si alternano riflessioni sull'idea stessa del viaggio, ma soprattutto ricordi del periodo della guerra, dell'immediato dopoguerra, della collaborativa amicizia con personalità di assoluto rilievo come Adriano Olivetti e Cesare Pavese.

                            Una lettera di Carlo Sini    La nave


 

L'Europa al bivio

Editore Solfanelli, Chieti - 2013

L'Europa è ferma di fronte al dilemma: unione puramente monetaria oppure autentica comunità politica? Questo libro spiega che il dilemma viene da lontano e costituisce il peccato originale dell'Unione europea. L'Europa ha ceduto e fino ad oggi è rimasta legata alla concezione del generale de Gaulle di una "Europa delle patrie", unita sola dalla moneta unica. Ma una moneta sovrana senza sovrano non basta. È una moneta orfana, vittima designata della predatoria speculazione internazionale. Il primo saggio, che dà il titolo a questo libro, affronta questo tema, oggi decisivo per l'avvenire dell'Europa. 

 

 

 

 


 

La concreta utopia di Adriano Olivetti

Editore EDB - 2013

 

Imprenditore illuminato, "utopista tecnicamente provveduto", sindaco e deputato al Parlamento, Adriano Olivetti (1901-1960) è stato uno degli italiani più originali e lucidi del Novecento. Idealmente inserito nel solco della tradizione di un socialismo consapevole e riformista, ha intuito con anticipo la crisi dei partiti politici e dei sistemi urbani metropolitani. Uomo intimamente religioso, di padre ebreo e madre valdese, si era convertito al cattolicesimo, leggeva con passione Emmanuel Mounier, Jacques Maritain e Simone Weil e amava costellare i suoi discorsi di citazioni evangeliche. Laureato in Chimica industriale al Politecnico di Torino, Olivetti aveva soggiornato negli Stati Uniti per studiare i metodi produttivi e la struttura organizzativa delle grandi fabbriche americane, un'esperienza che lo aveva portato a rinnovare radicalmente l'azienda paterna di Ivrea - la prima a produrre in Italia macchine per scrivere - trasformandola in una multinazionale. Alla ricerca di un rapporto armonico tra città e campagna, fra industria e comunità - ma senza angustie municipaliste e paternalismi strapaesani - Olivetti aveva rinunciato al sistema a cottimo e aveva modificato la catena di montaggio affinché la sua fabbrica diventasse un modello di socialità e di industrializzazione senza disumanizzazione.


 

La religione dissacrante

Centro Editoriale Dehoniano, Bologna  - 2013

Si è a lungo parlato del nuovo millennio come di un tempo contrassegnato dal crollo dell'esperienza religiosa, dal trionfo dell'irrazionale, dalla secolarizzazione, dal "disincanto", dall'eclissi del sacro, che si presenta in ambito cattolico come l'equivalente della filosofia della crisi nella cultura laica.
Eppure la crisi che attraversa le chiese non tocca, ma paradossalmente stimola, l'emergere di nuove forme di associazione di base che consentono di scoprire in profondità l'esperienza religiosa come "irruzione della grazia".
Il sacro non è solo ciò che è determinato e amministrato dalla gerarchia ecclesiale, ma la riscoperta del mistero di Dio, del servizio dell'uomo e della tensione collettiva verso un progetto. Esso sta alla base di ogni convivenza per consentire a ogni società di non perdere la propria coscienza problematica e di non privarsi della funzione sociale dell'utopia.


 

Giuseppe Verdi. Interprete e cantore delle nuove realtà sociali

Editore  Empirìa, Roma - 2013

Interprete e cantore delle nuove realtà sociali, l'opera di Verdi va inquadrata nel suo tempo; va compresa nel contesto storico specifico in cui si è dapprima formata ed è poi giunta alla piena maturità. Essa copre tutto l'Ottocento quando l'Italia riesce a conquistare la sua unità politica e comincia a rinnovare la sua struttura economica e sociale. In questo senso Giuseppe Verdi è l'interprete e il cantore delle nuove realtà emergenti.

 

 

 

 

 


 

Dante e Beatrice

Edizioni Empirìa, Roma - 2013

 

Resta in piedi per noi, nella considerazione del rapporto tra Dante e Beatrice, una domanda inquietante rimasta senza risposta. Chi è veramente Beatrice? Può darsi che Eugenio Montale abbia visto giusto quando afferma che "la fortuna ha protetto la misteriosa fanciulla (Beatrice) impedendo che molti fatti della sua vita siano giunti fino a noi". Ella resta per noi sospesa fra una sorta di "visiting angel" e la "donna petrosa". La domanda su chi sia è destinata a restare aperta e la nostra legittima curiosità ad andare insoddisfatta.

 

 

 

 


 

Elogio dell'eresia

Edizioni Empirìa, Roma - 2013

 

Il rogo di Giordano Bruno fuma ancora. Il pensiero unico e il conformismo di massa sono minacce più che mai incombenti. C'è nell'eresia na verità profonda che attende di essere scoperta e rivissuta come regola etica universale: tutti gli esseri umani sono esseri umani e come tali vanno riconosciuti, accettati e rispettati.

Il libro contiene due interventi tenuti in Campo de'Fiori nella ricorrenza della morte sul rogo di Giordano Bruno.

 

 


 

L'anno della quota novanta

Edizioni Empirìa, Roma - 2012

«L’uomo è un albero che si sprigiona, al modo di una fiamma, in due sensi. Ha bisogno di cielo, di aria, di orizzonti e di paesaggi e nello stesso tempo deve mettere le radici nel profondo della terra, succhiarne i liquidi vitali, garantirsi così la sopravvivenza, la fecondità e la possibilità di una creatività profonda». In questa opera autobiografica, Ferrarotti cerca di ricreare il mondo della sua adolescenza contadina. Come in altri suoi scritti, esprime un’attenta religione e visione al mondo naturale, dal particolare più povero a quello più aulico, fino al gracidare notturno delle rane che cullano il bambino producendo una lenta ninna nanna. Al mondo ricordato e descritto viene data forma attraverso i disegni di Giovanni Ferrarotti. Protagonista è l’autore e in primo piano il Novecento - e gli anni ’20. Secolo appena trascorso, in uno sguardo che volge all’indietro e cerca di dare spiegazione, nello scorrere del tempo, all’affermarsi di un meccanicismo moderno che genera la mitologia del progresso: nella transizione da un mondo contadino, ormai mitizzato, ad un mondo industrializzato. Nel dipanarsi di luoghi ed eventi che non ci sono più.

 


 

Un popolo di frenetici informatissimi idioti

Editore Solfanelli, Chieti - 2012

Il termine "idioti" non è un insulto gratuito. Piuttosto è da intendersi nel senso etimologico di "circoscritti", "localizzati", "irretiti", "prigionieri del web".
Ora anche i periodici a grande tiratura, i fini dicitori del giornalismo salottiero e i compunti maggiordomi del potere quale che sia, i vati dell'ovvio e gli specialisti dell'aria fritta se ne vanno accorgendo.
Un'intera generazione appare nello stesso tempo informatissima di tutto, comunica tutto a tutti in tempo reale, ma non capisce quasi nulla e non ha niente di significativo da comunicare. Una generazione al macero, appesa agli schermi opachi di TV, Internet, Facebook, Youtube, eccetera, destinata all'obesità catatonica e alla lordosi sedentaria. La stessa molteplicità e eterogenea abbondanza delle informazioni la deforma, la fagocita, le impedisce di stabilire una propria tavola di priorità.
Internet, priva della critica delle fonti, è la grande pattumiera planetaria e paratattica, in cui giovani e giovanissimi, adolescenti, ma anche giovani adulti, vanno quotidianamente affondando.
Questo è un grido di allarme che non si fa illusioni. Non sarà ascoltato.
Quest'epoca avrà il malessere del benessere che si merita.


 

Atman. Il respiro del bosco

Edizioni Empirìa, Roma - 2012

Questo libro è un atto d'amore e di gratitudine al bosco e al suo respiro. Dice Ferrarotti: "Dovessi rinascere, non mi spiacerebbe far parte del regno vegetale. So che tra l'umano e il vegetale - due specie viventi - si danno tuttora grandi, sostanziali differenze. Credo di aver capito che tagliare un ramo d'albero è come infliggere una ferita a un essere umano, che gli alberi parlano, chiacchierano fra loro, cantando e stormendo, vivono, nascono e muoiono come noi. Gli alberi sono nostri fratelli, o fratellastri, discreti, forse timidi ma, a modo loro, affettuosi. Vorrei tanto che, morendo, la decomposizione del mio corpo facesse almeno a loro da concime".

 

 


 

L' empatia creatrice. Potere, autorità e formazione umana

Armando Editore, Roma - 2011

Questo libro del più grande sociologo italiano richiama le sue opere precedenti e approfondisce alcuni dei temi più importanti in esse trattati.




 

 

 

 

 

 


 

Musica e società. Il caso Puccini

Editore Solfanelli, Chieti - 2011

Questo libro mira a riproporre il caso Puccini perché è un caso tuttora aperto. Indica una questione irrisolta. Esaltato o vilipeso, chi è in realtà Giacomo Puccini? È un intimista romantico, fino alle sdolcinature più stucchevoli, come sostiene Theodore W. Adorno, che lo ritiene il banalizzatore per eccellenza della musica nell'epoca della cultura di massa? È vero che in Puccini non mancano i cedimenti al cattivo gusto e che alcuni suoi passaggi possono suonare come siglette pubblicitarie. Sta però di fatto che l'intimismo di Puccini tocca un nervo sensibile, verità profondamente sofferte, sentimenti umani autentici, universali. Alla base della perdurante popolarità di Giacomo Puccini c'è questo valore, da lui espresso in maniera originale e geniale attingendo da contesti storici e da personaggi su scala planetaria, dalla Parigi di La Bohème all'Oriente di Madama Butterfly e di Turandot, senza mai cedere alla moda dell'esotismo volgare. In questo senso, Puccini rappresenta il punto più alto di eccellenza raggiunto dal melodramma italiano.


 

Conversazioni con la sociologia. Interviste a Franco Ferrarotti
Armando Editore, Roma - 2011

Le conversazioni qui raccolte sono nate in occasione della pubblicazione di alcuni libri di Franco Ferrarotti: esse, quindi, prendono spunto dal tema specifico di quei libri. Ma discorrendo, succedeva che si ampliassero, fino ad abbracciare una molteplicità di altri temi: i giovani, la famiglia, la scuola, la violenza, la lettura e la cultura in generale, la televisione e i mass-media, il lavoro, la fabbrica, la disoccupazione, l’immigrazione, i sistemi di produzione, il tempo del lavoro in una società frenetica e velocizzata, la morte, l’etica. Argomenti diversi, ma tutti legati da una profonda attenzione all’uomo nella società industrializzata: obiettivo di tutta la ricerca sociologica di Ferrarotti. Il filo che tiene unite queste conversazioni è, dunque, la società e i valori umani che essa deve conservare: valori che vanno al di là di quelli semplicemente economici e amministrativi.
 

 



La strage degli innocenti. Note sul genocidio di una generazione

Armando Editore, Roma - 2011

I giovani sono fotogenici. Tutti ne parlano. Nessuno li conosce. Tuttavia, anche là dove è ammessa e da tutti riconosciuta l’esistenza di una “questione giovanile”, i giovani non sono ascoltati. Il semplice fatto è che oggi ascoltare i giovani richiede una libertà di spirito che è di pochi, si pensa che sia inutile, che comunque abbiano poco da dire, che sarebbe tutto sommato una perdita di tempo. F. Ferrarotti, in questo lavoro, prende in esame ciò che ruota intorno ai giovani e che genera la loro emarginazione, come l’“invecchiamento” della classe politica, la mistificazione psicologistica, la democrazia “truccata”, l’affermazione della realtà virtuale, il precariato lavorativo, focalizzando le peculiarità italiane in merito ai processi sociali e produttivi, che sempre meno vedono coinvolti i giovani.
 

 

 


 

Il paradosso italiano. La povertà di un paese ricco

Editore Solfanelli, Chieti - 2011

Senza voler alzare bandiera a favore della citazione del ministro Francesco Saverio Nitti, nell'imminenza del primo conflitto mondiale: "Roma è la sola città medio-orientale priva di un quartiere europeo", né a sostegno dell'affermazione di Umberto Zanotti Bianco, illustre meridionalista, che definisce il Mezzogiorno d'Italia come "uno sfasciume pendulo sul mare", non si può evitare una riflessione sui paradossi della nostra Italia, tali fin dalla sua costituzione. Società antichissima e Stato unitario di appena un secolo e mezzo, per trenta secoli fu rurale e artigianale e diventò di colpo, in poco più d'una generazione, società industriale: secondo le leggi dell'aerodinamica non potrebbe volare, ma vola nonostante tutto, come disse uno spiritoso economista americano a proposito del calabrone. A 150 anni dalla sua unificazione l'Italia attende ancora quella lucidità condivisa, da Bolzano a Palermo, che non piove dalle nuvole, né va ritenuta un dono delle circostanze. Queste pagine sono una riflessione su un tema al contempo affascinante e inesauribile.


 

La vocazione fondatrice della musica

Editore Verso l'Arte - 2010

Dopo La funzione della musica nella società tecnicamente progredita e La musica postmoderna ha un cuore antico, questo libro si interroga sulla vocazione fondatrice della musica e conclude una sorta di trilogia, ispirata dal Maestro Carlo Frajese per il Festival Valentiniano di Orvieto. L’ipotesi in esso delineata riguarda la peculiare capacità della musica di riunire gli esseri umani, legarli emotivamente gli uni agli altri e trasformare un caos di atomi sociali in una comunità significativa. In questa prospettiva, il libro cerca di andare oltre le distinzioni, dettate talvolta da elitarismi ingiustificati, e individuare i punti di eventuale convergenza fra musica ritenuta seria e musica popolare o altrimenti detta «leggera». In particolare, sono considerate le varie forme, dal jazz al rock al rap, della musica dei giovani come aurorale espressione della rinascita di un nuovo spirito sociale, fondato sulla consapevolezza che i problemi dell’individuo, oggi, non si esauriscono nei loro termini individuali; chiamano invece in causa gli orientamenti ideali e le strutture della società globale.
 


 

Corpo, Dio. Il piacere della carne e la duplicità del femminile

Editore Verso l'Arte - 2010

Secondo un’opinione attribuita a Lutero, Dio avrebbe creato il mondo in un momento di sbadataggine. Nessun dubbio che il corpo sia segno e campo di contraddizioni. Nel corpo si consuma l’incontro fra sacro e profano, fra la vita e la morte. Ma il corpo è anche il luogo dell’amore e del peccato. Nelle religioni orientali, in particolare nell’hinduismo e nel buddhismo, si può dire che il corpo non faccia problema, quasi come se non esistesse. è parte del respiro vitale cosmico, dell’Atman. Ma il corpo è invece un problema serio per le religioni monoteistiche e antropocentriche, che sentono il dovere di controllarlo, eventualmente castigarlo, con vari mezzi, dal cilicio alla quaresima al ramadan. Così la donna che al corpo dà la vita. è insieme fata e strega, madre e dark lady. Il libro si occupa di questi nodi problematici fondamentali e indica la necessità di un recupero del corpo, al di là del dualismo carne-spirito, e della dignità della donna, al di là di ogni discriminazione.


 

L' immaginario collettivo americano

Editore Solfanelli, Chieti - 2010

Questo libro contiene articoli scritti fra il 1980 e il 1990 per il settimanale "L'Opinione" su invito o, per essere più precisi, su istigazione di Rossana Livolsi, all'epoca redattrice-capo. Il settimanale era la voce ufficiosa del Partito Liberale Italiano.

 

 

 

 

 

 

 


 

La musica post-moderna ha un cuore antico

Editore Verso l'Arte - 2010 (con cd audio)

Questo libro continua e approfondisce l’analisi interpretativa offerta in La funzione della musica nella società tecnicamente progredita. Dopo l’abbuffata dodecafonica, si nota oggi un ritorno alla melodia. La tesi di questo libro è che il recupero della melodia costituisce la ripresa e la giusta, legittima rivalutazione dell’opera lirica italiana, archetipo della cultura mediterranea e anticipazione del sinfonismo classico e del cromatismo romantico. Con il ritorno al melodramma c’è il ritorno alla voce, al canto fisico, non trascritto, libero, affidato alle imprevedibili doti vocali del singolo cantante e quindi a rischio non scontato. Il “recitativo”, che Nietzsche detestava, è in realtà la radice del valore permanente del melodramma italiano. Gli stessi gorgheggi, già considerati capricci gratuiti delle vanità delle prime donne, sono la qualità specifica dell’opera italiana. Di qui, la geniale sintesi fra suono e immagine di Federico Gozzelino e la transizione della musica dal tradizionale ruolo ancillare dell’autonomia.


 

La funzione della musica nella società tecnicamente progredita

Editore Verso l'Arte - 2010

La musica ed il suo ruolo nella società, da sempre un elemento fondamentale che interagisce ed è peculiare di ogni contesto in cui si sviluppa: non un semplice passatempo, ma una "metafora stessa della vita umana".
Franco Ferrarotti, pioniere della sociologia italiana, osservando la musica attraverso la "lente del sociologo" propone una attenta analisi della società contemporanea, tecnicizzata e burocratizzata all'estremo.


 

 

 

 


 

Spazio e convivenza. Come nasce la marginalità urbana

Armando Editore - 2009

 

Dopo quarant'anni l'autore ha ripreso il tema della periferia cittadina e della marginalità urbana per analizzarne le profonde modificazioni,nonché la perdita di contatto con quella sinistra che poneva il sociale come priorità assoluta. Come mai la vecchia "cintura rossa "ha ceduto il posto ad una concezione piccolo-borghese, secondo la quale si teme di perdere il benessere conquistato? Perché le vecchie classi subalterne tentano di sfruttare i nuovi immigrati così come un tempo è stato fatto con loro? Il volume si propone di rispondere a tali rinnovati quesiti, ponendo al centro dello studio il fatto per cui non esiste più una periferia marginale e poco abitata, ma essa è ormai parte integrante e fondamentale della città. "La conseguenza logica è intuibile: bisogna portare il centro in periferia" e tener presente che la periferia non è più periferica.

 


 

Lettere al presidente

 Editore Solfanelli - 2009

 

Tenuto conto del perdurante interesse per una prossima revisione della Carta Costituzionale, specialmente della seconda parte, pubblico qui di seguito alcuni articoli di quella stagione che parte dai primi anni del dopoguerra alla contestazione del '68 e poi, da questa, al collasso dell'Unione Sovietica, alla riunificazione della Germania e ai primi, difficili passi dell'Unione Europea. Il libro si apre con la lettera aperta al Presidente della Repubblica, che era all'epoca Francesco Cossiga, divenuto poi noto come "il picconatore". Il suo nome è nuovamente emerso per alcuni suoi recenti suggerimenti a proposito di un uso a dir poco spregiudicato delle forze di polizia nel caso di manifestazioni giovanili e studentesche e in generale di moti di piazza. In essi Francesco Cossiga tende a scorgere le avvisaglie di un nuovo terrorismo - preoccupazione in sé legittima, che però troppo corrivamente mette sul banco degli imputati o quanto meno dei fiancheggiatori sinistra e sindacati.


 

Periferie. Da problema a risorsa

Editore Sandro Teti - 2009

 

Franco Ferrarotti e Maria I. Macioti indagano il rapporto tra i grandi centri urbani e le realtà limitrofe, varcando barriere culturali ancor prima che architettoniche: da una parte i grattacieli, i condomini a schiera, i centri commerciali, dall'altra le banlieue, gli slum, le favelas. Due mondi vicini e diversi, da sempre incapaci di comunicare tra loro.Il libro esplora la storia e la fenomenologia di questi luoghi, con un interesse particolare rivolto alle periferie romane: Acquedotto Felice, Quarticciolo, Alessandrino, Magliana, Quadraro. A emergere sono prospettive e consapevolezze nuove, e con esse una concezione diversa della periferia, da intendere non più come problema ma come risorsa.Il testo è arricchito dalle fotografie inedite di Ferrarotti e Gustincich delle borgate romane dal 1960 ad oggi.


 

Perché la sociologia? Incontro con Franco Ferrarotti

Editore Mondadori Università  - 2009

 

Franco Ferrarotti, il più noto sociologo italiano vivente, è ben più che un accademico. Il suo contributo allo studio della società è cominciato ben prima della sua pur lunga attività universitaria. Sin dagli anni Cinquanta si è impegnato per il rilancio in Italia della sociologia, che, già colpita dal fascismo, incontrava ancora l'ostilità sia del dominante gruppo culturale neoidealista, sia degli influenti intellettuali di orientamento marxista. Insofferente dei condizionamenti accademici, ha svolto un'attività a tutto campo. Nel 1951 ha fondato i Quaderni di Sociologia e alla vigilia del '68 la combattiva Critica Sociologica; ha collaborato a tutti i principali giornali italiani; si è impegnato al fianco di Adriano Olivetti per un'illuminata riforma produttiva e sociale; è stato parlamentare indipendente, con un ruolo a volte determinante, in un momento cruciale della politica italiana; ha diretto importanti strutture scientifiche; ha pubblicato un'imponente quantità di libri e di articoli. In questo volume Ferrarotti risponde a una serie di domande postegli da Umberto Melotti e Luigi Solivetti. I temi trattati concernono la società italiana, le sue trasformazioni, le relazioni tra cultura e politica, la società multiculturale, la globalizzazione e il ruolo della sociologia. Seguono documenti, interventi e testimonianze sulla sua opera, un florilegio di citazioni e un'amplia bibliografia.


 

Arte, Scienza, Società - Verso una teoria dell'atto artistico

Editore Verso l'Arte - 2009

 

Franco Ferrarotti, pioniere della sociologia italiana, propone in questo volume una attenta analisi della società contemporanea, tecnicizzata e burocratizzata all'estremo: l'arte può essere l'unico modo per aprire uno spiraglio che possa riumanizzare e rendere meno tecnocratica la nostra attualità.

 

 

 

 

 

 

 


 

Il senso del luogo. Con pastelli, tempere e olii di Giovanni Ferrarotti

Armando Editore - 2009

 

Esplode nell’autunno del 2008, inaspettatamente. Il pensiero va subito al novembre del 1929. È la crisi economica. Il contesto è diverso. Ma le paure le stesse. Chiudono fabbriche e ristoranti. Tornano i poveri ma di tipo nuovo. Sono poveri bene educati. Si vergognano della loro povertà, non gli sembra abbastanza dignitosa. Hanno tutto: buone maniere, discreta formazione scolastica e bon ton. Gli manca solo il denaro. La crisi finanziaria ed economica ha creato una tensione permanente tra globale e locale che oggi sembra aumentare su scala planetaria. Si decidono allora misure protezionistiche che puntano sulle economie nazionali dopo che per decenni si era tanto parlato di globalizzazione.

 

 

 


 

Il '68 quarant'anni dopo

Editore EdUP - 2008

 

Il '68 innova. Il terrorismo uccide. Ancora oggi i graffiti graffiano. Il potere che rifiuta di esercitarsi come potere viene attaccato come oppressione. Il '68 non è legato al terrorismo. Gli è contiguo. Ha dato luogo a una zona grigia, al "brodo sociale" in cui il terrorismo è cresciuto. Ma il terrorismo è la tomba del '68. Un'analisi lucida e partecipata dal sociologo che ha conosciuto personalmente tutti i principali protagonisti. Ferrarotti "barone" che ha appoggiato ma anche sfidato i sessantottini. Ne approvava le idee ma non i metodi di espressione. Un Ferrarotti protagonista di una stagione che ha cambiato le sorti dell'Italia. Il libro comprende una ricerca inedita sui graffiti comparsi sulle strade di Roma e all'Università "La Sapienza" curata da Maria Immacolata Macioti, sociologa e autrice di numerosi studi sulla società contemporanea.

 

 


 

Capitalismo: lusso o risparmio? Alla ricerca dello spirito originario

Editore Donzelli - 2008

 

Qual è la matrice specifica del capitalismo? Dove poggia, come è avvenuta e si è quindi diffusa l'accumulazione primitiva di capitale che ha consentito lo sviluppo di questa nuova fase della storia umana, ben lontana, a quanto è dato prevedere, dalla sua fine? Le risposte sono varie e contraddittorie. Storicamente, due di esse tengono il campo. La prima è quella di Max Weber, che fa perno sull'etica vissuta e la vita metodica dei puritani di Calvino, portati a garantirsi la prosperità in questo mondo, non per goderne, ma per assicurarsi la salvezza nell'altro; la propensione al risparmio sarebbe, secondo questa prima tesi, la vera molla dell'accumulazione capitalistica. Contraria e simmetrica è la risposta del conterraneo di Weber, il "professore rosso" Werner Sombart. Sarebbero state le classi agiate, attraverso il perseguimento di un dominio simbolico della razionalità tecnica, a favorire la crescita del modello della produzione capitalistica. Per dirla con Mumford, non la macchina a vapore, bensì l'orologio sarebbe stata la "macchina rivoluzionaria" per eccellenza. Dunque: lusso o risparmio? Il fondamento dell'accumulazione capitalistica è stato il lusso delle grandi corti europee oppure il risparmio, la vita metodica e "santa", l'ascetismo dei puritani, ossessionati dalla "certitudo salutis" nell'aldilà e, intanto, sobri, risparmiatori in questo mondo?


 

Fondi di bottiglia

Editore Solfanelli - 2008

 

Di fronte al testo di un padre della sociologia non si può non avere quel pizzico di timore che magari è del tutto assente quando si commentano fatiche letterarie di altri autori, più o meni noti. Non è stato facile comprendere l’innesto dei pensieri di Ferrarotti, risalenti agli anni ottanta, con l’humus socioculturale del periodo. Eppure, dopo alcune necessarie riletture, tutto diventa molto chiaro e oltremodo interessante: le spigolature, i brevi commenti, come graffiti, generano un mare di riflessioni, soprattutto se si tenta inevitabilmente il raffronto con quanto, nel frattempo, è avvenuto nei decenni a seguire. E allora, appare illuminata l’intuizione del sociologo nei confronti della narrativa: per Ferrarotti, la narrativa del futuro sarebbe stata necessariamente multidialogica, aperta a stili diversi e a molteplici contaminazioni. Necessariamente, perché nessuno si sarebbe più sentito di esprimere un giudizio complessivo sulla società, come invece era successo nelle epoche precedenti. Penso che la maggior parte dei letterati e degli autori abbia, anche ora, un viscerale timore di esprimere giudizi: i più preferiscono rifugiarsi in vuoti e rassicuranti esercizi di stile, magari confidando in successi di nicchia più o meno possibili, piuttosto che impegnarsi nell’ars interpretandi, poco consona al conformismo e al vuoto disumano imperante. Anche sul futuro dei libri, Ferrarrotti sembra avere visto giusto: il mercato dell’editoria, tranne in poche e coraggiose eccezioni, è governato ferocemente dalle leggi di un’industria culturale che asseconda le sirene e le mode del momento. E così, il libro di successo - a mio avviso, rigorosamente da evitare nell’acquisto e nella lettura - è un’ulteriore esemplificazione della totale rinuncia alla cultura che preconizza, che rompe gli schemi, che anticipa, che interpreta il cambiamento prossimo a manifestarsi.


 

Il senso della sociologia e altri saggi

Editore Solfanelli - 2008

 

I quattro brevi saggi che compongono questo volume risalgono agli anni Sessanta e rappresentano un documento di grande valore per la ricerca sociologica in Italia. L'autore li definisce con affettuosa ironia "piccoli cadaveri", ma in realtà ancora oggi si rivelano strumento prezioso per comprendere il "senso della sociologia" e per l'analisi del profondo mutamento socio-culturale intervenuto nell'arco di quarant'anni della nostra storia di cui siamo stati testimoni, spesso disattenti. Ferrarotti, con la consueta prosa graffiante e incisiva, oppone il proprio assunto critico alle interpretazioni dei "maggiordomi zelanti e dei vati dell'ovvio, aiutati dalle reti della comunicazione elettronicamente assistita, che li coccolano come cuccioli prediletti" in un'epoca come quella attuale che, osserva non senza amarezza, "ha gli studiosi conformisti, i giornalisti-ippopotami e gli sprezzanti editorialisti che si merita".


 

L'identità dialogica

Editore ETS - 2007

 

Ogni identità nasce dal gesto di un "noi" che si distingue da un "loro", che si oppone ai volti e alle voci degli "altri". Violenza originaria dell'identità e del suo inaugurale monologo, si direbbe. Violenza che l'epoca della cosiddetta globalizzazione rilancia e moltiplica senza sosta. È possibile pensare l'identità altrimenti che come monologo, gesto di esclusione, implicita o esplicita aggressione? Le pagine di un maestro della sociologia italiana, come Franco Ferrarotti, ci introducono passo passo in questa diversa prospettiva, e la declinano nei termini suggestivi di un'identità dialogica. Di un'identità, cioè, che fa dell'alterità non una minaccia ma una risorsa, non un buco nero ma uno specchio necessario, e a suo modo positivo. Gli "altri" non sono di fronte a noi, come nemici, ma in noi, come nostra condizione di possibilità. Il dialogo è più antico del monologo. L'ospitalità più antica di ogni frontiera. Posta in gioco affascinante ed urgente di ogni ricerca filosofia, psicologica, sociologica, ma anche di ogni concreto e fattivo progetto politico a venire.


 

Diplomatico per caso

Editore Guerini e Associati - 2007

 

Questo libro racconta una delle quattro carriere dell'autore, divenuto diplomatico "per caso" a Parigi alla fine degli anni Cinquanta; "carte verte", immunità e altri privilegi, membro di una élite sopranazionale sulla base di regole, per l'Europa, risalenti al Congresso di Vienna del 1815 e di Aix-la-Chapelle del 1818, estese poi a tutti i Paesi. Ma il libro non si occupa, naturalmente, della storia e neppure delle norme internazionali che governano questa illustre istituzione, stranamente quasi mai chiamata in causa per il lamentevole stato degli attuali rapporti internazionali. Si dice "Ambasciator non porta pena", d'accordo. Ma qual è l'apporto positivo specifico della diplomazia? Nell'epoca della comunicazione elettronicamente assistita è ancora necessaria? Non disdegnando minimi aneddoti, il libro si occupa della vita quotidiana delle grandi organizzazioni diplomatiche e cerca di offrire al lettore curioso un'idea realistica di ciò che accade dietro la facciata, nei sontuosi uffici e nei palazzi, gettando un'occhiata, talvolta indiscreta, all'interno della quotidianità di queste istituzioni.


 

Manuale di sociologia

Editore Laterza - 2006

 

La sociologia per Ferrarotti è una scienza del presente, che si collega strettamente al contesto che descrive. La sociologia deve contemporaneamente essere ancorata a parametri empirici ed evitare tentativi di formalizzazione per poter cogliere "il momento fluido del sociale". Il suo sviluppo, è, quindi, connesso al persistere della democrazia; il sociologo nelle sue svariate vesti di scienziato, ricercatore e operatore sociale è essenzialmente un "tecnico dell'interconnessione sociale". Il manuale, che privilegia un pubblico colto e interessato ai problemi della conoscenza sociologica, si articola in tre parti. La prima di carattere generale, che comprende l'introduzione e la conclusione, definisce e descrive il significato della sociologia, le relazioni con le altre discipline, i suoi compiti e funzioni. La seconda tratta degli strumenti della ricerca, cioè dei concetti guida (ruolo-status, gruppo, classe, potere, ideologia), letti in un'ottica dinamica e delle tecniche, che permettono un'operazionalizzazione e un'operatività dei concetti stessi. La terza affronta infine il tema delle istituzioni formali della socializzazione primaria e secondaria e delle istituzioni informali. L'accento posto su queste ultime - ed in particolare sui movimenti, a cui viene dedicato un apposito capitolo - è un'occasione per analizzare e dibattere gli ultimi sviluppi della disciplina, dalla teoria dell'attore sociale di Touraine, a quella dei soggetti collettivi di Offe, alla impostazione neosistemica di Luhman.


 

America oggi

Editore Newton Compton - 2006

 

Il capitalismo non è nato nel Nuovo Mondo ma nella vecchia Europa. E tuttavia sono gli Stati Uniti ad incarnare oggi il modello fondamentale del capitalismo globalizzato e sovranazionale. L'autore ricostruisce l'origine del capitalismo americano, sviscerando le peculiarità dell'epopea dei "tycoon", i magnati dell'industria statunitensi. Dalla concezione taylorista del lavoro e dalla nascita della produzione di massa con Henry Ford, al sistema odierno delle lobbies che impongono precise linee guida al governo, l'indagine arriva poi alla critica del capitalismo attuale che deve rinnovarsi nei fondamenti e ridefinire le proprie modalità per poter superare le gravi contraddizioni che produce.
 

 

 


 

Vita e morte di una classe dirigente

Editore EdUP - 2006

 

"La società italiana odierna appare come una società alla deriva: non più agricola, ma non ancora industriale; sorpresa dagli eventi, incapace di dominare il disegno del proprio destino, barcollante sotto il peso d'una radicale crisi d'identità." Così appariva agli occhi del sociologo Ferrarotti l'Italia degli anni '70 e '80. Nel libro, che raccoglie interventi scritti fra il 1973 e il 1985, l'autore propone un'analisi della crisi di una classe dirigente che non ha saputo determinare con coerenza una politica seria e unitaria da cui sarebbe dipeso, in ultima istanza, lo sviluppo del Paese.

 

 

 


 

Nelle fumose stanze

Editore Guerini e Associati - 2006

 

Il racconto autobiografico di un sociologo "infiltrato" in Parlamento. Franco Ferrarotti, non eletto per pochi voti e subentrato ad Adriano Olivetti che per motivi di salute gli ha lasciato il seggio alla Camera, negli anni del primo governo di centro-sinistra, dal suo posto di osservazione privilegiato smaschera trucchi e illusioni della politica, rivela retroscena, ironizza sugli uomini, di destra e di sinistra, e sulle loro debolezze.

 

 

 

 

 

 


 

Polis. Dialogo di una sociologia urbana

Editore Manni - 2006

Una mattina di gennaio, in uno studio romano, si incontrano Massimiliano Fuksas (architetto e urbanista) e Franco Ferrarotti (sociologo). Nasce una conversazione sul rapporto tra uomo e spazio urbano e sul modello di città da realizzare.

                                                                                                                                        


 

La televisione. I cinquant'anni che hanno cambiato gli usi e i costumi degli italiani

Editore Newton Compton - 2005

 

Questo libro si propone di dare un'idea realistica dell'influsso esercitato dalla comunicazione elettronicamente assistita (dalla televisione agli altri mezzi di comunicazione) sulla società italiana nel corso degli ultimi cinquant'anni. Le ricerche su questo tema sono state generalmente condotte seguendo due linee metodologiche: i sondaggi d'opinione e le indagini di mercato; il tentativo di cogliere il flusso ideale che dallo schermo televisivo o dalla carta stampata, investono un dato uditorio. In questa prospettiva, il libro solleva i problemi dell'industria culturale, della cultura di élite e di quella di massa, delle fasi evolutive della televisione, da quella generalista a quella tematica e infine a quella digitale.

 

 


 

Le briciole di Epulone

Editore Guerini e Associati - 2005

 

Questo libro è un "prequel" della vicenda autobiografica di Ferrarotti e chiude i conti con il suo passato vero, il più lontano: l'infanzia contadina, il padre nemico dei libri, il poco cibo, le risaie. Una ricchezza di ricordi che lo induce ad affermare: "La mia vita non è stato il luculliano pasto del ricco Epulone. Eppure, qualche briciola sotto la tavola l'ho potuta rimediare. La offro, questa volta pensando solo alla prima infanzia, senza pretese e senza attendermene un granché, al lettore volenteroso. E, spero, di bocca buona".

 

 

 

 


 

L'arte nella società

Editore Solfanelli - 2005

 

 L'intento di questo libro consiste nell'impostare lo studio del fenomeno artistico letterario nei termini di un rapporto di reciproco condizionamento fra testo e contesto, egualmente lontano dal marxismo de-dialettizzato e dall'intuizionismo tardo romantico.
Il libro si interroga, inoltre, sul ruolo sociale delle avanguardie, sulle loro origini e sulle ambiguità che le accompagnano dal punto di vista latamente politico. Il Futurismo, in questo senso, si pone come un esempio particolarmente significativo.

 

 


 

Il potere

Editore Newton Compton - 2004

 

Il potere è stato analizzato come prerogativa dei vertici sociali ed è stato quindi visto dall'alto. Il punto di vista adottato in questo volume è quello dei cittadini che costituiscono la base della società e che quello stesso potere considera sudditi. Alla base dello studio è il tentativo di illuminare i motivi dell'obbedienza al potere da parte dei cittadini. Le teorie che fanno risalire questo fenomeno a un impulso a venerare o agli interessi economici non spiegano alcuni fenomeni, come l'affermazione dei regimi dittatoriali nel ventesimo secolo. L'autore offre una concezione dei gruppi dirigenti che include i gruppi governanti e quelli influenzanti e ipotizza una transizione del potere, da prerogativa personale a funzione razionale collettiva.

 

 


 

Pane e lavoro! Memorie dell'ousider

Editore Guerini e Associati - 2004

 

L'autobiografia di colui che ha fondato la sociologia italiana, capace di mantenere uno sguardo impietoso e ironico nei riguardi della realtà. Dalla fame patita nel dopoguerra alle prime esperienze come traduttore, fino all'elezione come deputato per il Movimento di Comunità e agli scontri del Sessantotto, Ferrarotti non rinuncia all'ironia corrosiva che fa di questo libro un percorso illuminante attraverso la nostra storia.

 

 

 

 

 


 

Vietato morire. Miti e tabù del secolo XXI

Editore La Mandragora - 2004

 

In questo saggio Franco Ferrarotti indaga come nella società dominata dall'imperativo tecnologico la morte sia degradata a mero incidente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Guida alla nuova sociologia

Editore Newton Compton - 2003

 

Una scienza relativamente giovane la sociologia: ha poco più di duecento anni. In alcuni ambienti culturali, segnatamente in quello italiano, tradizionalmente dominato dal pensiero spiritualistico cattolico e da quello idealistico, la sociologia è stata per decenni considerata una scienza minore: la chiamavano addirittura "inferma". Franco Ferrarotti, in questo volume offre ai lettori un quadro esauriente dei temi di maggior rilievo che sono oggi di fronte alla giovane scienza.
 

 

 

 


 

Che cos'è la società

Editore Carocci - 2003

 

Il testo presenta un'agile descrizione della sociologia intesa come scienza d'osservazione. Ad un'analisi del quadro storico nel quale la disciplina si è sviluppata segue un cenno alle domande principali provenienti dalla società cui la sociologia è in grado di fornire risposte significative. Questo libro cerca di armonizzare e di rendere compatibili i concetti strettamente sociologici con il loro effettivo uso nella cultura italiana, che sembra ancora in ritardo nel comprendere a fondo ruoli e funzioni delle scienze sociologiche.

 

 

 

 


 

La convivenza delle culture

Editore Dedalo - 2003

 

In un mondo come l'attuale, in cui opposti fondamentalismi si affrontano con esiti distruttivi e comportamenti criminali secondo una tragica logica che li rende necessari gli uni agli altri, questo libro afferma la necessità del dialogo fra le culture come condizione essenziale di progresso civile, denuncia il pericolo di offrire coperture pseudo-religiose alle iniziative del terrorismo internazionale, chiarisce che nelle condizioni odierne dell'umanità vivere significa convivere e che nessuno può vincere ma solo convincere.

 

 

 

 


 

Il silenzio della parola. Tradizione e memoria in un mondo smemorato

Editore Dedalo - 2003

 

Questo libro si propone di chiarire i termini e tentare una via di conciliazione fra le due logiche che si contendono oggi la mente e l'anima degli esseri umani: la logica della lettura e della scrittura, e la logica dell'audiovisivo. La logica della lettura è fondamentalmente una logica cartesiana, analitica: esige concentrazione sulla pagina, silenzio, solitudine; interroga la parola scritta, ricavandone una molteplicità di risultati. La logica dell'audiovisivo è onni-avvolgente: non segue uno sviluppo analitico, si basa sulla fulmineità ipnotizzante dell'immagine sintetica, enfatizza l'emotività a scapito della capacità di ragionamento.

 

 

 


 

Tornando a casa. Conversazioni con Franco Ferrarotti (1990-2002)

Edizioni Associate - 2003

 

Franco Ferrarotti, il decano della sociologia italiana, lascia dopo oltre quaranta anni la cattedra di sociologia. Il racconto della sua vita, in questa lunga conversazione protrattasi per oltre 13 anni, s'intreccia con riflessioni filosofiche, con il destino della sociologia e del mondo. Uno dei più attenti e autorevoli studiosi della nostra società prende in esame sé e la sua epoca in un'analisi critica che si proietta nel XXI secolo.

 

 

 

 

 


 

Lineamenti di storia del pensiero sociologico

Editore Donzelli - 2002

 

La «scienza dell'incertezza». Così Franco Ferrarotti ha definito la sociologia, disciplina con cui si è misurato nel corso di un'intera vita di ricerca, lungo l'arco di oltre cinquant'anni da quando, giovanissimo, nell'imperante clima idealistico che declassava la pratica sociologica al rango di «pseudoscienza», ebbe l'ardire di polemizzare direttamente con Benedetto Croce.
Scienza, dunque, cioè disciplina in grado di produrre effettivi esiti conoscitivi. Ma scienza in crisi, e anzi scienza «che si nutre di crisi». Le sue stesse origini sono legate al travagliato passaggio dal mondo feudale alla società industriale moderna, col suo crollo di ordini, di ranghi e di gerarchie sociali. E la sua prima grande stagione è connessa con la spaccatura tra profitto e salario caratteristica dell'industrialismo classista. Il suo stesso nome è un ibrido composto da una parola latina e una greca, accettato da tutti perché non si è trovato di meglio. La verità è che la sociologia è costituzionalmente affetta da un corto circuito che le imprime un marchio di ambiguità: essa è scienza, ma è anche coscienza; impresa conoscitiva, ma anche tecnica operativa; contemplazione distaccata, ma anche impegno sociale e politico.
Con uno stile agile e piano, l'autore ripercorre le tappe fondamentali del pensiero sociologico, da Ferguson e Saint-Simon a Comte e Marx, da Spencer e Durkheim a Simmel e Weber, da Sombart, Pareto e Veblen, fino agli esiti più recenti, mostrando lo straordinario apporto di conoscenze e sensibilità che l'approccio sociologico ha saputo dare alla comprensione del mondo contemporaneo.


 

Homo sentiens. Giovani e musica. La rinascita della comunità dallo spirito della nuova musica

Liguori Editore - 2002

 

I giovani non ascoltano la musica, la abitano. A migliaia si riuniscono per ore nei concerti rock, quasi come in un rito ancestrale alla ricerca di una nuova comunità sulle rovine della solidarietà interpersonale che appaiono occupare la scena delle società tecnicamente progredite. Questo libro intende rendere conto delle nuove modalità di percezione e comportamento giovanili, del senso della protesta e dell´angoscia che spesso si nasconde dietro queste manifestazioni. La nuova musica, anche nelle sue forme estreme, va vista come il riflesso, ma anche come il progetto, di una nuova socialità.

 

 


 

La perfezione del nulla. Promesse e problemi della rivoluzione digitale

Editore Laterza - 2002

 

La crisi del libro e le trasformazioni dell'editoria, il ruolo degli intellettuali e i nuovi modi di apprendimento dei giovani, l'interazione, la socialità, il lavoro ai tempi di Internet, l'ambiguità della tecnica: un mezzo che si trasforma in fine. Questi e altri temi affrontati in pagine ricche di riflessioni da uno dei maggiori sociologi italiani.

 

 

 

 

 

 

 


 

La tentazione dell'oblio. Razzismo, antisemitismo e neonazismo

Editore Laterza - 2001

 

Cancellare il passato è il primo passo verso l'autoritarismo. Nel passato dell'Europa si incrociano tradizioni contrastanti: la pluralità delle culture e l'aspirazione all'omogeneità, cioè il rigetto del diverso. In questo saggio, che mette costantemente in rapporto la cronaca di questi anni con la riflessione intellettuale occidentale, Ferrarotti conduce la polemica più serrata e radicale contro il pregiudizio eurocentrico, che ieri ha giustificato il colonialismo e che oggi aiuta il ritorno del neonazismo.

 

 

 


 

La società e l'utopia. Torino, Ivrea, Roma e altrove

Editore Donzelli - 2001

 

Negli anni della Resistenza e del dopoguerra, in un'Italia ancora chiusa nel guscio del provincialismo di regime e che si appresta allo schematismo delle contrapposizioni ideologiche, un giovane intellettuale di belle speranze e di incontenibile vivacità approda in una Torino «coperta di polvere e di sangue», e s'imbatte per caso nell'entourage di casa Einaudi. Promosso sul campo da Cesare Pavese, si fa traduttore e interprete della migliore cultura sociologica americana. Il giovanotto spende bene i suoi anni torinesi, né s'intimorisce di fronte agli strali che gli scaglia addosso il «mostro sacro» Benedetto Croce, irato contro le pretese della pseudoscienza sociologica.Dalla collaborazione con un altro grande della cultura italiana, Nicola Abbagnano, nascono allora i «Quaderni di Sociologia». E il cerchio si allarga ancora. Nella casa dei Levi a Torino avviene l'incontro decisivo, l'impatto con la personalità dirompente di Adriano Olivetti. Ne nasce la grande esperienza del laboratorio olivettiano di Ivrea, in cui fabbrica e servizi sociali, città e territorio si integrano a mostrare la forza realizzatrice dell'utopia. E quando, agli inizi degli anni sessanta, il sogno di Ivrea fatalmente si infrangerà, sarà Roma con le sue borgate e la sua umanità ai margini il nuovo scenario dell'inarrestabile volontà di ricerca. A distanza di cinquant'anni Franco Ferrarotti ripercorre in quest'autobiografia intellettuale lucida e pungente alcuni dei luoghi fisici e mentali del suo itinerario di vita e di lavoro, che lo ha portato ad essere incontestabilmente il padre nobile - e tuttora l'enfant terrible - della sociologia italiana contemporanea.


 

L' enigma di Alessandro. Incontri fra culture e progresso civile

Editore Donzelli - 2000

 

Perché il giovane Alessandro, poco più che ventenne, assicuratosi ormai il dominio su tutta la Grecia, decise di muovere contro le temibili forze del re persiano Dario? Che cosa lo spinse verso l'Oriente, in regioni scarsamente conosciute?
Sono domande che non interessano solo gli storici. E le risposte consuete non sembrano del tutto soddisfacenti. In effetti, Alessandro non rientra negli schemi tradizionali del conquistatore. Dà spesso prova di straordinaria magnanimità. Proibisce ai soldati di approfittare delle donne del nemico sconfitto. Giunge, anzi, a dare personalmente l'esempio di un «matrimonio misto». Egli incarna l'ideale cosmopolitico dell'Ellenismo, vale a dire la pacifica convivenza di culture e popolazioni diverse, linguisticamente e religiosamente differenziate.
A ben vedere, è questa la radice originaria della migliore vocazione storica dell'Europa: quella che concepisce lo specifico della nostra cultura come disponibilità e apertura verso i mondi altri da sé. Vale allora la pena, alle soglie del terzo millennio, di riproporre, in tutto il suo complesso significato di apertura e tolleranza, una sorta di «neo-ellenismo», nel quale identità e alterità possano trovare il loro comune fondamento: un ideale oggi forse più valido che mai, unica alternativa alle tragiche campagne per la «pulizia etnica» e ai massacri sistematici che hanno insanguinato il secolo XX.


 

Partire, tornare. Viaggiatori e pellegrini alla fine del millennio

Editore Donzelli - 1999

 

Mai come in questo nostro tempo, si parte. Il viaggio, pratica e metafora plurimillenaria, luogo cruciale del nostro immaginario, in questa nostra fine di millennio si fa concitato, frenetico, continuo. Si parte da soli o più di frequente in gruppi, per vacanze o pellegrinaggi di massa, governati dai tour operators che scelgono tutto: dalla destinazione all'itinerario, al menu, ai souvenir da portare a casa.
Si parte per tornare, recita un vecchio adagio. Ma una società come la nostra, «ad alto tasso di nomadismo», sembra aver smarrito proprio la dimensione del «ritorno», insieme con quella della memoria. A ben vedere, oggi è la memoria ad essere in pericolo. E senza memoria non si può tornare.
Nel mondo in cui tutti viaggiano, il viaggio allora si eclissa. Nella cultura del presente assoluto ci si muove sempre e non si arriva mai. Si viaggia con una fretta esponenziale, con la golosità di una bulimia indifferente ai contenuti, sorda alle situazioni, cieca di fronte alle differenze. I linguaggi si sono stemperati in un solo linguaggio: un linguaggio basic, semplificato, privo di risonanze. Tutto è preciso, ma nello stesso tempo sciapo come la cucina di un vagone ristorante.
Pamphlet, saggio, itinerario - le pagine di Ferrarotti disegnano la radicale, ironica presa di distanza da questo «non viaggio». E il viaggio mentale di Ferrarotti risale all'indietro, da Chatwin a Freud, a Rilke, fino alla laica riscoperta dei luoghi deputati del viaggio biblico. Allo sconcluso viaggio del turista, si affianca e si contrappone infatti, più tragico e disperato, quello dei boat-people, dei diseredati in cerca di speranza, l'altra faccia, meno standardizzata e rassicurante, di un nomadismo che ci riconnette alla dimensione del tempo storico, del passato e del futuro.
Lo straniero di Emmaus, la moglie straniera del Libro di Ruth evocano così il senso contraddittorio, inquieto, aperto del viaggio: l'incontro e lo scontro, la fecondazione reciproca - o l'odio micidiale - tra diverse culture.


 

La verità? È altrove. All'insegna del New Age

Editore Donzelli - 1999

 

Il XX secolo si chiude in un crescendo di incertezza: i termini pratici e teorici delle prospettive future sembrano essere sempre più labili, mentre si fa più accentuata la rinuncia a ogni controllo razionale di sé e del mondo. All'insegna del new age è cresciuta, nel giro di pochi anni, una letteratura importante che invariabilmente proclama: ''La verità? è altrove''. Dove sia, nessuno sa dirlo, ma a nessuno sembra importare molto stabilirlo. Altrove, cioè dovunque, in nessun luogo.
Si assiste così a una rinuncia, tanto più serena in quanto né polemica né programmatica, alla nozione certa di verità. Preceduta da confusi e indecifrabili tremori, la galassia del pensiero new age irride a tutta la tradizione del razionalismo occidentale. Certo, la classica contrapposizione tra razionale e irrazionale non riesce a rendere conto di quell'ampia fascia delle esperienze umane che si situano nella zona dell'abitudinario, dell'a-razionale, in quella grigia ''radura'' in cui si svolge il vissuto quotidiano. Ma proprio a partire da questa impossibilità di un dominio razionale su tutto e su tutti, il pensiero new age lancia la sua sfida antirazionalistica. E' una sfida di cui Ferrarotti individua i ''cattivi maestri'' in alcuni pensatori post-razionalisti del secolo che si chiude, che l'hanno preparata e preceduta, primo fra tutti Gregory Bateson. Il mondo è potuto apparire, ai loro occhi, come un indecifrabile groviglio di eventi diversi che si assommano e si combinano fuori da ogni principio unitario. Posta in crisi non solo la comprensibilità, ma la stessa unificabilità dell'esperienza umana, ne consegue la caduta di ogni obbligo di coerenza interiore. E così il new age diventa un paravento dietro al quale nascondere una irresponsabile fiera dei comportamenti. Il programmatico ricorso alla emotività come unica chiave per le proprie scelte può scadere nella gratuità. I confini tra realtà e irrealtà possono farsi sempre più sbiaditi, e l'irrealtà diventare la ricetta a buon mercato per ogni fuga da sé.
Il terzo millennio rischia così di aprirsi sotto il segno di un neo-misticismo che peraltro non riguarda tutta l'umanità, ma solo il suo segmento più prospero, pronto a farsi plasmare da quei venditori di irrealtà che sono fra gli imperatori dell'etere, i nuovi padroni del mondo.


 

L'ultima lezione. Critica della sociologia contemporanea

Editore Laterza - 1999

 

Al momento di lasciare la sua cattedra quarantennale, nella sua «lezione magistrale» Franco Ferrarotti ribadisce, contro le molte tendenze della sociologia contemporanea, la sua adesione a una sociologia come scienza di osservazione concettualmente orientata dei fatti sociali, a sicura distanza tanto dal grezzo fattualismo del paleopositivismo quanto dal soggettivismo psicologizzante. È nel rapporto dialettico fra indagine scientifica e impegno sociale che va ricercato il fascino, ma anche la difficoltà, dell'impresa sociologica.

 

 

 

 


 

Leggere, leggersi

Editore Donzelli - 1998

 

Bibliomania, bibliofilia, bibliofagia: queste pagine sono il resoconto impudico di una passione sfrenata che ha duramente condizionato la vita dell'autore. Leggere come leggersi. Vale a dire: leggere nei libri l'immagine di se stessi, cogliere in essi, riflessa, la propria interiore consapevolezza nel suo magmatico farsi. Leggere e rubare i libri come l'affamato ruba e mangia il pane. In tempi di inappetenza spirituale diffusa potrà sembrare un comportamento inattuale, forse bizzarro. A parte la tv, il computer, i vari tipi di lavagne luminose e di videotape, il libro resta fondamentale. Ma le famiglie italiane, di regola, non dispongono di biblioteche. E la scuola? La scuola non sembra in grado di stimolare e far scoprire ai giovani la gioia della lettura, e di riportare lo studio al suo significato originario di studium, ossia amore, passione, avventura. È ormai da secoli preda di piccole anime di demagoghi autoritari e funzionari tremebondi, impauriti lacchè dominati da cupidigia di servilità, portati, nel caso migliore, a ripetere cose già dette, recitando i classici come morta lettera invece di farne rivivere lo spirito nel contesto del loro tempo.


 

Libri, lettori, società

Liguori Editore - 1998

 

In questo libro viene analizzata la crisi della logica della scrittura nel quadro della società globale, specialmente con riguardo alle società tecnicamente progredite. Leggere è un’attività che non fa rumore, ma è tutt’altro che un’attività puramente passiva. Ha una sua funzione creativa o, meglio, ricreativa. Il lettore, lungi dall’essere un destinatario casuale e incapace di reazione, si pone come interlocutore, e in taluni casi particolarmente fortunati, come reinventore del significato del testo. Sembra tuttavia accertato che, oggi, si pubblichi sempre di più ma si legga nel contempo sempre di meno. Il ‘senso della lettura’ sembra preso in un declino inarrestabile. La lettura come abitudine di vita è forse al tramonto. La tesi di questo libro è che ciò costituirebbe una perdita secca per la qualità della vita umana. Ridurre il libro, come oggi avviene sempre più spesso, a mero bene di consumo semidurevole significa degradare a oggetto di transazione commerciale il veicolo della trasmissione culturale per eccellenza, che non si limita a intrattenere il lettore, ma che, anzi, lo costringe a un ritorno critico su di sé aprendogli la via per un suo autonomo autosviluppo.



Il cadavere riluttante

Editori Riuniti - 1997

 

Si parla della cl.politica italiana (1^Rep, il cadavere) in bilico tra la sua fine e l'incerta nascita di una 2^Rep fatta dalle stesse persone; tra sprechi, furti e lottizzazione, la rivoluzione che dovrebbe portare alla modernità sembra fatta dai magistrati (custodi delle leggi, quindi in teoria dello status quo), ma anch'essi cedono dalla difesa dei valori morali verso il protagonismo televisivo. I temi (solo sfiorati) sono infiniti: staticità (sociale, decisionale, politica), assenza di basi democratiche e perenne ricerca del "uomo forte", fatalismo cattolico della società, corporativismo/cooptazione invece che meritocrazia, assenza di cl.dirigente e di vera opposiz.Parlam, antipolitica (ascesa di Berl/LN), mafia pervasiva, capitalismo arcaico/dinastico, intellettuali asserviti (?); ma è sempre una critica "light": tutti colpevoli, nessuno responsabile. Scrive di un'attesa rivoluz.sociale, ma non si sa su quali temi né chi la farà; afferma la necessità di fare i conti con il passato, ma non c'è critica alla Dc ed al suo Gov extraparlamentare 1960-70. E' tutto troppo vago per essere serio. Anticipa il tema della delocalizz.produz e del potere delle multinazionali, ma enuncia anche prospettive irrealizzate e forse già allora eccessive: 2^Rep e federalismo forte non sono mai nati; inaccettabile (antropologicamente ed accademicamente) l'idea di un carattere italico perdurante nei secoli; l'Ita non ha (e non ha avuto) un ruolo importante nella Eu. Oscuri i Cap.5/6: da Einaudi a dissoluz Urss/Jugo, la Costituz Usa e la fallimentare unione Eu. Le Conclusioni (Cap.7) sono buone a stento per un saggio di bassa divulgazione: superficiali e populiste. Lunghissima appendice (50pag su 150; un'intervista e diversi articoli) spesso superficiale/buonista (meridionalismo, borghesia, responsabilità esogene per il lungo malgoverno Dc, alta potenzialità dell'Ita).


 

Rock, rap e l'immortalità dell'anima

Liguori Editore - 1996

 

A molte persone la musica dei giovani di oggi appare priva di senso. Questo libro dimostra invece che questa musica è un messaggio significativo, anche se spesso di non facile comprensione, dei bisogni più urgenti delle giovani generazioni. Dietro il "rumore organizzato" e i suoni apparentemente privi di senso è forse possibile intravedere una spinta utopica verso un mondo alternativo che esprime un antico bisogno di trascendenza. Lungi dal ridursi a mera musica criminale, specialmente il rap è un grido di aiuto e un atto di presenza da parte del mondo giovanile che la società adulta - pedagogisti, professori, genitori - dovrebbe attentamente considerare.

 

 


 

Max Weber

Edizioni Liguori - 1995

La figura di Max Weber si è rivelata più complessa e meno rettilinea di quanto facessero pensare le analisi del secondo dopoguerra, da Talcott Parsons a Reinhard Bendix, a Wolfgang Schluchter.

                                                                                                                


 

Roma madre matrigna

Editore Laterza - 1991

Piacevolissimo, questo libro è a metà strada tra la saggistica sociologica e il pamphlet. Ferrarotti prosegue la sua analisi della città di Roma, già oggetto di sue precedenti ricerche. Ma qui non viene solo approfondita e aggiornata l'analisi scientifica. Viene anche rivissuto il rapporto personale dell'autore (piemontese trasferitosi a Roma) con questa città, "madre maliarda che rischia continuamente di farsi matrigna, bellissima e irritante, calda, affascinante e spesso, all'improvviso, enigmatica e lontana".
                                                                                       


 

Una fede senza dogmi

Editore Laterza - 1990

 

Ferrarotti esplora il disorientamento etico, ma anche politico e organizzativo, delle odierne società' dinamiche, spesso tecnicamente raffinate, ma umanamente impoverite. Contro l'illusoria equazione fra progresso tecnico e progresso morale, questo libro dimostra che la tecnica e' una perfezione priva di scopo, che non porta alcun progresso morale, se non si accompagna a una religione civile, di rispetto verso l'altro e il diverso da sé, unica garanzia per l'umanità' di oggi contro la possibilità dell'auto-sterminio.

                                                                                                                                                                                 


 

La sindrome dinastica

Editore Lalli - 1989

Esce nella collana La ginestra-Saggi e testi, collana a cura di Luca Canali

 

 

                                                                                                                


 

Oltre il razzismo. Verso la società multirazziale e multiculturale

Armando Editore - 1989

 

Una conoscenza analitica più dettagliata dell'immigrato e del "diverso" connota il libro di Franco Ferrarotti. I risultati di una ricerca dell'84 (pubblicata nell'88: "Roma: immigrazione dal terzo mondo" sotto gli auspici del comune di Roma e dell'Uspe) gli consentono di tracciare una prima tipologia dei "terzomondiali". Tra i dati rilevanti, l'alto numero di uomini (fanno eccezione le numerose etiopi), notevoli dislivelli nell'istruzione a seconda dei paesi di provenienza, la mancanza di lavoro. Questi profili permettono di andare oltre la percezione omogeneizzante e confusa oggi prevalente e sollecitano ricerche che tengano conto anche dei modi di formazione dell'offerta nei paesi di provenienza. Emergono tra tutti, nelle interviste (raccolte da M.I. Maciotti), i problemi della salute: "hanno una patologia da terzo mondo, quindi corrisponde a trent'anni fa. Quello che trent'anni fa era la Magliana" (dall'intervista con il dottor Colasanti, p. 172).
La ricerca non risponde pienamente alle riflessioni ottimistiche anche se disomogenee e frammentarie dell'autore, che già vede profilarsi una società multiculturale e scorge nell'immigrazione una grande occasione di speranza. Il mondo sembra ormai diventato unitario, una sorta di "villaggio globale" alla McLuhan grazie alle infinite virtù delle comunicazioni di massa. Finora il 'melting pot' non si è tuttavia realizzato e il problema dell'immigrazione continua ad essere posto in termini imperialistici (p. 72) e di sopraffazione paternalistica. Ferrarotti, che in Italia scorge un razzismo "come pratica quotidiana, discriminazione sistematica, sfruttamento del clandestino" (p. 80), ritiene comunque che 1'afflusso pacifico dei terzomondiali segni la fine della storia eurocentrica.


 

La sociologia alla riscoperta della qualità

Laterza - 1989

Questo libro completa la trilogia in cui Ferrarotti cerca di dare una base teorica all'uso di storie di vita e materiali biografici in sociologia

 

                                                              


 

L'Italia tra Storia e memoria

Donzelli - 1988

 

 

 

 

                                                                                       


 

Dove va la sociologia italiana?

Laterza - 1988

Libro collettaneo

 

 

                                                                                                               


 

Il ricordo e la temporalità

Laterza - 1987

Dopo il libro La Storia e il quotidiano, del1986, viene questo, il secondo di una trilogia che si completerà con La sociologia alla riscoperta della qualità.

 

                                                                                                                


 

La storia e il quotidiano

Laterza - 1986

Il tema di fondo è quanto possa il quotidiano offrire di interesse e spessore, di chiave interpretativa dei processi in corso ad osservatori attenti, a storici e sociologi avvertiti e che non si limitino a cifre e tabelle.

                                                                                                                


 

La produzione del libro come bene di consumo

Editrice Ianua - 1986

Il libro, da strumento di consapevolezza e crescita per pochi, strumento di élite, è diventato è divenuto prodotto di largo consumo, è entrato necessariamente e condivide le vicissitudini del mercato e i suoi andamenti ciclici.

                                                                                                              


 

Cinque scenari per il 2000

Editore Laterza - 1985

 

Sempre più spesso ci si interroga sull'avvenire. Al di là del rischio che alimenta le ansie millenaristiche del "giorno prima" - di una catastrofe nucleare, il problema, in definitiva, è come coniugare computer e democrazia, "rivoluzione telematica" e socialità. Cinque, per Ferrarotti, gli scenari possibili e prevedibili: la società-formicaio, la società policentrica, il gigantismo differenziato, la società corporata, la società multidimensionata e polivalente. Ogni ipotesi viene esplorata dettagliatamente e sostanziata di concreti riferimenti ai processi oggi in atto. con un suggestivo sforzo di fantasia, ma anche con l'acuta consapevolezza delle difficoltà della previsione sociale

 

 

 


 

Lineamenti di sociologia

Liguori Editore - 1983

 

 

                                                                                                                

 


 

La piccola città

Edizioni di Comunità - 1983

Al suo primo apparire questo libro aveva indicato un modo nuovo di procedere alla interpretazione del sottosviluppo che caratterizza il mezzogiorno italiano. Attraverso le storie di vita esso ci offre uno spaccato qualitativo che, assai più delle frettolose sintesi storiche, ci fa capire il modo della formazione storica dal basso attraverso le dichiarazioni dirette e il materiale autobiografico di coloro che una lunga tradizione scientifica etnocentrica ha sempre considerato la mera materia prima, il combustibile grezzo del progresso sociale. Questo libro rovescia tale prospettiva e dimostra come sia necessaria, per la comprensione dei fenomeni umani come strutture sociali totali, adottare u'aottica intellettuale legata alla sociologia critica ossia alla ricerca sociologica intesa come rapporto interpersonale.

                                                                                                                                         


 

In nome del padre

Laterza - 1983

Libro collettaneo

 

                                                                                                                                        


 

Il paradosso del sacro

Laterza - 1983

                                                 

Anche qui abbiamo un libro che fa parte di una trilogia sul sacro uscita per la casa ed. Laterza. Ferrarotti sostiene che può essere in crisi la chiesa istituzione ma che rimane un profondo desiderio di sacro, tanto più allorché sembra avanzare la razionalità formale.
 

                                                                                                               


 

Una teologia per atei

Laterza - 1983

Attraverso lo studio del pensiero dei classici, e riprendendo altresì quello di Lutero, Ferrarotti supera la dicotomia razionale/irrazionale e ci parla del fascino dell'irazionale

 

                                                              


 

Studi e ricerche sul potere

Volumi I, II, III

Editrice Ianua - 1980

 

                                                                 

 


 

L'ipnosi della violenza

Rizzoli - 1980

Questo libro continua e approfondisce il discorso iniziato con il volume Alle radici della violenza. L'analisi e la spiegazione scientifica della matrice socio-economica e politica della violenza sono necessarie ma, alla luce del vasto dispiegarsi e, anzi, del crescere del fenomeno, esse non sono sufficienti.

                                                                                                                  


 

Alle radici della violenza

Rizzoli - 1979

In questo libro, frutto di interventi a caldo nel corso degli ultimi anni, la violenza non viene demonizzata né acriticamente considerata come una fatalità legata alla natura umana e pertanto non modificabile.

                                                                                                                   


 

Studi sulla produzione sociale del sacro
Volume I: Forme del sacro in epoca di crisi

Liguori Editore - 1978


Si tratta dei primi risultati di uno studio condotto sulla "Meditazione trascendentale", nota tecnica di origine indiana, giunta negli Stati Uniti e poi in Europa in seguito all'insegnamento di Maharishi, Mahesh Yogi. Il libro ne studia le modalità di sviluppo, chiarisce la sostanziale matrice religiosa di questa scuola, pone interrogativi sulla sua proclamata neutralità, sulle motivazioni dei suoi successi a livello internazionale. Nel complesso, la tematica in esame viene affrontata nell'ambito di una ripresa dei "Nuovi movimenti religiosi".

Sotto la stessa dicitura è uscito nel 1980 un secondo volume a firma Maria Immacolata Macioti

 


 

Giovani e droga

Liguori Editore - 1977

 

 

                                                                                                                 

 


 

America duecento anni dopo

Editori Riuniti - 1976

Nel bicentenario dell'Indipendenza americana, un libro che raccoglie tutte le foto fatte da Franco Ferrarotti negli Stati Uniti dove ha abitato e insegnato a lungo.

Prefazione di Gore Vidal    

                                                                                                      


 

Studenti, scuola, sistema

Editore Liguori - 1976

La crisi dei sistemi scolastici di ogni ordine e grado è un fenomeno mondiale. I dati non mancano, ma la riflessione intorno alla natura della crisi e ai modi per uscirne appare insufficiente. D'altro canto, è chiaro che la crisi della scuola non è risolvibile all'interno del sistema scolastico, ma rimanda e coinvolge necessariamente la società globale. di qui il valore politico e la funzione di svecchiamento culturale dei movimenti studenteschi, passati da momenti di grande esaltazione collettiva, non priva di pericoli d'irrazionalismo e non del tutto insensibile alle tentazioni del nichilismo culturale, a una fase di più matura riflessione, forse meno spontaneistica ma certamente più feconda di risultati positivi sul piano pratico. La questione degli studenti, se non sarà la grande "questione sociale" del nostro secolo, come quella del proletariato nel secolo scorso, costituisce tuttavia il punto di incontro di fondamentale convergenza di quelle forze politiche e intellettuali che intendono risvegliare lo spirito critico e trasformare in profondità le società industriali odierne in modo da sollecitarne la transizione effettiva dalla razionalità puramente tecnico-formale, che attualmente le definisce, alla razionalità sostanziale che garantirà il carattere umano, no leviatanico nè unilateralmente tecnocratico, del processo di industrializzazione.

 


 

Colloquio con Lukacs - La ricerca sociologica e il marxismo

Franco Angeli - 1975

                                                                                                                                         

 

                                                                                                                                          

 


 

 

 

Dal documento alla testimonianza:

la fotografia nelle scienze sociali

Liguori editore - 1974

 

"Senza questo ausilio tecnico credo che non avrei mai sviluppato un interesse profondo per il mondo e il sottomondo, il proletariato e il sottoproletariato; tutto ciò che non aveva e non ha ancora oggi, diritto di cittadinanza" Fanco Ferrarotti

 

 

 

 

 

 

 


 

Per conoscere Pareto

Oscar Mondadori - 1973

 

Vissuto fra il 1848 e il 1923, formatosi su studi di matematica e ingegneria, versato nelle lettere classiche, tecnico e dirigente industriale, professore universitario: ecco una delle personalità più complesse dell'era moderna resa in una antologia illuminante ed essenziale

 

                                                                                                                


 

Roma da capitale a periferia

Laterza - 1970

Roma da capitale a periferia: è stato uno dei più noti e apprezzati libri di Ferrarotti, uscito nel 1970 con la casa ed. Laterza, ha poi avuto molteplici riedizioni.E' tuttora citato da storici, arc hitetti ingegneri come una importante fonte. Si propone una lettura della speculazione edilizia a Roma, con nomi e cognmomi. Si dà conto dell'esistenza delle borgate e dei diversi tipi di insediuamenti impropri. Approfondimenti sull'Alessandrino, l'Acquedotto Felice, il Quarticciolo ed altre borgate. Tesi: le borgate sono funzionali al centro della città.

                                                                                                                


 

Macchina e uomo

ERI - 1970

Il libro tratta dello sviluppo tecnico e industriale, dell'organizzazione del lavoro, dell'influenza che tutto ciò ha sulla popolazione, sulle sue abitudini, sui modi di vita...

                                                                                                                


 

Trattato di sociologia

Editore UTET - 1968

 

L'attualità e l'importanza della sociologia per le società che hanno imboccato la strada dell'industrializzazione sta nella sua duplice natura di constatazione e di persuasione, di previsione scientifica e di impegno sociale. Ciò implica per questa disciplina la necessità di confrontarsi con una concreta realtà nazionale per adattarvi e mettervi alla prova i propri strumenti teorici. E' ciò che fa questo trattato la cui caratteristica fondamentale è di misurarsi con la cultura italiana: è calato non nella tradizione pragmatica americana - coma molti manuali che vengono proposti in traduzione al pubblico italiano - ma nella tradizione culturale italiana, fa i conti con l'idealismo crociano e spiega perchè ancor oggi in Italia la sociologia deve lottare per veder riconosciute le proprie ragioni.



Sociologia e realtà sociale

Opere Nuove - 1958

 

 

 

 

 

 

 

 


 

l'Appello

Tipografia Pretti & Tricerri - Trino - 1945